L’Associazione “Effetto Ghergo” nasce nel 2012 come idea e volontà di riportare agli onori della ribalta il grande fotografo montefanese Arturo Ghergo: a questo fine, nello stesso anno, viene realizzata la prima grande Mostra Fotografica sui lavori di Ghergo, finanziata dalla Regione Marche attraverso un Bando del Fondo Cultura.
Oltre 100 magnifiche opere fotografiche dell’artista sono state esposte da Dicembre 2012 ad Aprile 2013: è stato prodotto un Catalogo delle immagini fotografiche e l’Evento, grazie anche a una massiccia campagna di comunicazione e promozione, ha potuto registrare un’ampia affluenza di visitatori, provenienti da tutto il Paese e dall’estero. Ghergo, ritrattista mirabile di dive internazionali e principesse romane, affascina con il suo sguardo implacabile sul soggetto, capace di “estrarre” l’ideale di bellezza e di eleganza coniugato alla raffinatezza del glamour.

L’Associazione diventa concretamente operativa con la nascita, nel 2015, del “Premio Arturo Ghergo”, progetto del Distretto Culturale Evoluto A.M.A.M.I., promosso dal Comune di Montefano in collaborazione con Civita Srl e a cura di Denis Curti, Direttore Artistico del Concorso. Contestualmente al Premio Ghergo è nato a Montefano un “Centro di Fotografia”, sotto la direzione dell’Associazione. Le finalità del Centro riguardano principalmente la realizzazione di Esposizioni autonome dedicate ai grandi Maestri della fotografia italiana e internazionale: attività didattiche e convegnistiche – di grande interesse sia per professionisti che per neofiti – incontri, Workshop e Corsi di Fotografia completano l’offerta esclusiva del Centro, unico nel suo genere nel territorio.

Ma “Effetto Ghergo” vuol essere anche molto altro: incontri con autori locali e nazionali, presentazione di libri, attività per avvicinare i più giovani alla fotografia (il 2020 ha visto la nascita di “Ghergo Kids”) e, ancora, una bellissima iniziativa che si ripete ogni Natale con la partecipazione di tutta la comunità montefanese, “La Foto nel Cassetto”. Si tratta di una mostra di fotografie di famiglia, e del paese, che riportano indietro nel tempo, alla scoperta di angoli cittadini ormai scomparsi e volti di persone amate che non ci sono più ma che, idealmente, si possono ritrovare ed essere ancora presenti grazie alle immagini fotografiche. Su “La Foto nel Cassetto” si innesta una nuova iniziativa, grazie anche ai giovani talenti partecipanti al “Premio Ghergo”: si lavora ai ritratti dei Montefanesi di oggi, per documentare e fissare chi e come siamo oggi, un confronto fra epoche diverse. Di anno in anno si affronteranno tematiche differenti in relazione anche alle fasce della popolazione, come a formare un grande racconto che sfocerà in una Mostra e in una pubblicazione.

L’impegno dell’Associazione “Effetto Ghergo” è l’impegno di tante persone. Cristina Ghergo, figlia del grande fotografo, Presidente di Giuria del Premio e ideatrice, insieme all’Architetto Vittorio Salmoni, sia del Premio stesso che dello Spazio Museale intitolato al padre, a Montefano. Il grande Denis Curti, Direttore Artistico del Premio e del Museo, e Claudia Scipioni – umbra di nascita ma montefanese di adozione – fotografa esperta, Presidente dell’Associazione e coordinatrice di tutte le attività.
E ancora i componenti del Direttivo, i tanti Soci e tutto il Team di lavoro: un fermento di idee, iniziative, pensieri ed azioni che riassume in sé la ricerca incessante di quell’armonia che Ghergo sapeva ottenere e che il nostro territorio ha per vocazione.